Agrigento Alle Fabbriche Chiaramontane arriva Zuccaro

piero zuccaro

allestimento Zuccaro,sx lacoreografa Donatella Capraro con PieroZuccaro (ph.Pitrone)

MOSTRE: sabato alle FAM di Agrigento s’inaugura “Antologia Breve” Piero Zuccaro.

E’ in fase di allestimento, alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento (FAM), la mostra diPiero Zuccaro “Antologia Breve” che s’inaugura sabato 26 luglio alle ore 19. Selezionate dal curatoreMarco Meneguzzo sono grandi tele, piccoli pastellie, in prima assoluta, la videoinstallazione “Flyby”, cuore pulsante del progetto espositivo dell’artista catanese per le FAM. La mostra sarà visitabile fino al 14 settembre con ingresso gratuito.

Da sempre attratto dalla superficie della pittura e dalle suggestioni dell’acqua e dei suoi riflessi – persino quelli più inquietanti, come le chiazze oleose di darsene e pontili che lo affascinavano sin da bambino – Piero Zuccaro (Catania, 1967) riunisce per questa esposizione alle FAM i lavori degli ultimisette anni: il ciclo dei “Relitti”, studi sulla luce e i suoi riflessi attraverso il medium acqua; quello delle“Cattedrali”, studi sui “corpi-oggetto immersi nello spazio”; e piccoli pastelli su tela, realizzati come appunti nella lavorazione delle grandi tele.

Alle FAM in mostra una trentina di opere di Zuccaro. Per descriverle Meneguzzo usa il termine “fluidità” che, dice, “accomuna ogni suo dipinto sin dagli esordi, negli anni Novanta”. E non solo. “E’ fluidità del corpo nello spazio – spiega il curatore – anche l’arte della danza che Zuccaro, nella sua biografia, racconta di aver studiato con la guida della coreografa Donatella Capraro, coautrice e attrice di “Flyby”, il video ambientale presente in mostra”. Ed è proprio nella pittura di Zuccaro che la fluidità citata da Meneguzzo si fa visibile. “Nelle “paste alte” – scrive nel saggio in catalogo – stese a spatola del colore a olio, nel movimento sinuoso che resta fissato in ogni pennellata, nella stessa scelta dell’olio, che non si asciuga mai e la cui lucentezza fa scivolare la luce sulle creste e sugli avvallamenti creati dal colpo di spatola, nell’idea di mescolare i pigmenti sino ad ottenere un colore mescolato, persino “sporco”, che è però il risultato di mille colori che si sono amalgamati”.

A parlare di “Flyby”, l’opera-video in anteprima alle FAM di Agrigento, è il curatore indipendente Antonio Sarnari che ha organizzato e collaborato alla mostra. “Si tratta – spiega Sarnari – di “quadri mobili”, una vera manipolazione pittorica del linguaggio video, con cui Zuccaro ha deformato le immagini “mobili”, a favore della tensione pittorica. La selezione delle opere propone quindi un primo momento, in cui le tele sono state dipinte osservando i “corpi-oggetto”, attraverso le immagini fotografiche e i video; poi le opere-video, influenzate e costruite secondo i linguaggi pittorici; infine le opere recenti, maturate dopo l’esperienza di Flyby.

Alla mostra di “Piero Zuccaro. Antologia Breve” – realizzata dall’associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento in collaborazione con Tecnica Mista – è dedicato il catalogo con presentazione critica del curatore, Marco Meneguzzo, docente dell’Accademia di Brera a Milano. L’evento ha il patrocinio del Comune di Agrigento ed è sostenuto da alcuni sponsor privati: Elenka, Cora Banche e Benessere & Bellessere.

Gli spazi delle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento saranno aperti da martedì a domenica, dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 21. Chiusi i lunedì e a Ferragosto. L’ingresso è gratuito.

Biografia

Piero Zuccaro nasce nel 1967 a Catania, dove si diploma all’Accademia di Belle Arti. I suoi studi sono stati influenzati dall’incontro con importanti personalità del panorama artistico italiano, tra i quali Consagra, Forgioli, Guccione e Sarnari, autore di una presentazione per la sua prima mostra ufficiale. Per un certo tempo, il suo tema di ricerca è stato dominato dallo studio delle immagini riflesse, mostrando aperture verso l’astrazione, come non ha mancato di rilevare Piero Guccione. Nei suoi dipinti, Zuccaro, mostra immagini immerse nella luce o nell’acqua, la luce interna delle architetture, in particolare architetture sacre. Sono immagini che, se assumono una nuova identità nella scomposizione della forma, si appropriano, al contempo, dello spazio circostante in un processo di dilatazione che supera lo spazio fisico che le contiene e le rappresenta.

Fonte foto: comunicato stampa

 

Ufficio stampa

Zephir di Carmela Grasso

Elio Di Bella

Docente in Storia e Filosofia, giornalista e blogger. Studioso di storia locale.

Potrebbero interessarti anche...